Ricostruzione unghie dei piedi

La ricostruzione delle unghie si fa ormai sempre di più anche per i piedi, perché un piede dall’aspetto ben curato, soprattutto in estate, è molto gradevole esteticamente.
Anche per la ricostruzione delle unghie dei piedi si applicano le tecniche come per le mani, cioè con gel oppure con acrilico, generalmente direttamente sull’unghia naturale, ma talvolta anche con supporti.

Come per le mani anche per i piedi va eseguita un’attenta analisi dello stato di salute delle unghie, ma è altresì importante accertarsi che non vi siano funghi o altre infestazioni batteriche. In tal caso la cliente deve prima rivolgersi ad un podologo per una cura del piede.
Per quanto riguarda la scelta se utilizzare gel oppure acrilico, è abbastanza indifferente, tranne nel caso in cui la cliente abbia un’accentuata sudorazione del piede, in tal caso è consigliabile fare la ricostruzione unghie con l’acrilico, che risulta più resistente.

Per quanto riguarda la ricostruzione, l’onicotecnico deve valutare lo stato dell’unghia per decidere se utilizzare il prodotto, acrilico o gel, direttamente sull’unghia oppure se usare un supporto. Alcune clienti chiedono di poter applicare un supporto per avere delle unghie più belle da usare con sandali e scarpe aperte d’estate. Per i piedi esistono dei supporti specifici, che sono un po’ più larghi e piatti e di varie misure a seconda delle varie unghie. Sono anche un po’ più elastici e si usa una colla speciale che viene a formare una sorta di pellicola di maggiore elasticità e durata. I supporti esistono sia neutri, sia predecorati.
Se invece si fa la ricostruzione delle unghie dei piedi direttamente sull’unghia naturale, si può scegliere di rifinire il lavoro con uno smalto colorato tinta unita, oppure con un effetto french.

Kit ricostruzione unghie

Esistono in commercio vari kit per la ricostruzione delle unghie che si possono anche ordinare online. Questi kit, proposti da aziende professionali, contengono una lunga lista di articoli, che vanno dai prodotti agli accessori, che permettono la realizzazione completa e professionale della ricostruzione unghie.

Il kit ricostruzione unghie completo è sicuramente destinato a professionisti o comunque a persone esperte che abbiano seguito un corso ricostruzione unghie. I prodotti che sono contenuti dentro ai kit ricostruzione unghie sono infatti dei composti chimici che devono essere usati con le giuste precauzioni per non arrecare danni alla salute. Inoltre non solo i prodotti, ma anche gli accessori sono di una grande varietà e specifici per i diversi passaggi e operazioni della ricostruzione unghie, richiedono quindi una certa conoscenza delle tecniche per la ricostruzione delle unghie.

Esistono sia kit a base di gel, sia a base di acrilico, la scelta del prodotto dipende quindi dalla specializzazione di chi esegue la ricostruzione unghie. Per fare alcuni esempi, un kit ricostruzione unghie con gel può contenere i seguenti articoli: alcune confezioni di UV gel in vari colori (trasparente, bianco, rosato, ecc.), vari tipi di lime destinate alle unghie naturali oppure trattate, una lampada UV, un catalizzatore, un solvente senza acetone, una colla per tip, uno strumento taglia tip, una scatola contenente varie tip, il primer, vari pennelli per modellare la ricostruzione, un olio per cuticole, una confezione di formine, una confezione di bastoncini in legno d’arancio per spingere le cuticole.

Le aziende più professionali danno l’elenco completo dei vari articoli contenuti nei kit e danno la possibilità i scegliere tra vari tipi di kit, sia per ricostruzione gel, sia per ricostruzione acrilico.

Metodo acrilico ricostruzione unghie

La ricostruzione dell’unghia con l’acrilico avviene attraverso la reazione chimica di un liquido ed una polvere che mescolati e attivati dal calore vengono a generare un particolare tipo di resina che applicata sull’unghia crea uno strato robusto e resistente che può poi essere colorato a decorato a piacere.

Il giusto dosaggio di polvere e liquido è importante perché se il prodotto è troppo secco è sì resistente, ma si spezza anche molto facilmente. Se invece il prodotto è troppo liquido non è resistente e può provocare allergie. Con il giusto dosaggio si garantisce resistenza, flessibilità e durata.
Prima di iniziare è necessario disinfettare gli strumenti e le mani sia di chi esegue il lavoro, sia di chi lo riceve. L’unghia poi va limata in modo da creare dei piccoli solchi verticali per facilitare l’adesione del prodotto. Importante è levigare anche la zona vicino alla cuticola per evitare problemi di sollevamento. Poi bisogna pulire con uno spazzolino con movimenti verso la punta dell’unghia.

Va poi applicato il primer per asciugare completamente l’unghia ed eliminare residui oleosi e germi. Bisogna fare attenzione a non bagnare la pelle perché il prodotto è molto corrosivo.
A questo punto si possono mettere le formine che servono eventualmente per modellare l’unghia. Anche sulla formina va applicato il primer.

Se si fa l’effetto french, va quindi applicata sulla punta dell’unghia una prima pallina bianca per ricreare appunto il bordo bianco dell’unghia. Dopo si applica al centro dell’unghia una pallina di prodotto rosa per dare forma al resto dell’unghia. Il bordo dell’unghia va limato per dare la forma desiderata, poi l’unghia e la cuticola vanno lucidate con un apposito olio.
Dopo avere lavato le mani si stende la base che serve a proteggere l’acrilico ed infine lo smalto lucidante.

Gel ricostruzione unghie

Per la ricostruzione delle unghie, in alternativa all’acrilico, si può usare il gel, un preparato denso a base di oligomeri che vengono attivati attraverso la luce UV. Essendo più denso il gel, rispetto all’acrilico, evapora meno e ha anche meno odore, inoltre è del tutto atossico. Proprio perché viene attivato attraverso la luce, va applicato in fasi successive in più strati sottili per far penetrare più luce e permettere la polimerizzazione.

Il gel si può applicare direttamente sull’unghia se l’unghia naturale è sufficientemente sana, robusta e lunga, se invece si ha un’unghia troppo corta o rovinata, si può fare uso di una tip, o di una cartina o supporto in seta. La tip una specie di unghia finta in plastica trasparente che va incollata sull’unghia e poi su di essa vanno i vari strati del gel.

Anche nel caso della ricostruzione dell’unghia con il gel l’unghia va preparata, cioè opacizzata con un buffer, che è una specie di lima a forma di parallelepipedo. Poi si applica un prodotto che va poi passato nell’apposito fornelletto a raggi UV. Successivamente si inizia la fase della ricostruzione, se si fa direttamente sull’unghia si applica il gel in vari strati sottili che vanno di volta in volta asciugati nel fornelletto a raggi UV. Se invece si applica una tip, essa va incollata sull’unghia con un’apposita colla e poi limata al punto giusto perché non si veda il gradino. Poiché la tip ha una forma e una lunghezza standard (molto lunga) va poi tagliata con un apposito strumento e limata in punto secondo la forma e la lunghezza desiderata.
Una volta applicata la tip si prosegue con gli strati di gel che vanno poi asciugati di volta in volta in forno.
Si può poi scegliere che tipo di decorazione fare, se solo smalto, trasparente o colorato, oppure l’effetto french, oppure decorazioni più ardite ed originali per un look giovane e trasgressivo.

Prodotti ricostruzione unghie

I prodotti principali necessari per la ricostruzione delle unghie sono:

  • Buffer e lime per levigare e preparare le unghie prima di applicare il primer e l’acrilico o il gel.
    Deidratanti: evitano che l’umidità faccia sollevare la ricostruzione e prevengono eventuali infezioni.
  • Primer: un prodotto a base acida che funge da biadesivo perché da un lato si adatta perfettamente alla superficie dell’unghia e dall’altro è perfettamente compatibile con il prodotto da ricostruzione. Inoltre scioglie eventuali molecole oleose rimaste sull’unghia dopo la sua opacizzazione.
  • Tip o cartine o altro, che fungano da supporto per allungare le unghie troppo corte e rovinate. Queste vanno applicate con un tipo speciale di colla che le tiene ben aderenti alla superficie dell’unghia.
  • Polvere e liquido per la preparazione dell’acrilico che andrà a formare lo strato sopra all’unghia naturale oppure sopra alla tip.
  • (In alternativa all’acrilico) preparato per gel, che andrà a formare lo strato sopra all’unghia naturale o sopra alla tip
  • Lime speciali per levigare e dare forma e lucentezza all’unghia dopo l’applicazione dell’acrilico e del gel.
  • Una speciale lampada a luce UV per asciugare l’unghia trattata con gel.
  • Olio per cuticole
  • Smalto ed eventuali decorazioni per aggiungere un tocco di fantasia all’unghia ricostruita.
  • Acetone senza solvente per rimuovere lo smalto senza danneggiare la ricostruzione.

Qualsiasi centro di ricostruzione unghie è fornito i ogni tipo di prodotto e accessorio necessario ad una ricostruzione unghie con risultati perfetti. Oltre alla professionalità e all’esperienza di chi esegue il lavoro, è necessaria una buona qualità dei prodotti perché il risultato sia bello e duraturo.

Come si fa la ricostruzione unghie

Come si fa la ricostruzione delle unghie? La ricostruzione delle unghie è una procedura iniziale trasferiscono l’energia una all’altra arrivando a formare una catena. Quando la reazione a catena è terminata si è formato un polimero.

L’energia che permette l’accadere della reazione a catena proviene o dal calore o dalla luce.

Ci sono due tipi diversi di polimeri che vengono utilizzati per la ricostruzione delle unghie e sono l’acrilico e il gel. L’acrilico è una reazione chimica (stimolata dal calore) tra una polvere e un liquido che viene a creare un prodotto molto resistente che ricostruisce l’unghia. Il gel invece è un preparato denso (composto da oligomeri) che viene attivato dalla luce UV e che applicato in più strati sottili (per permettere una migliore penetrazione della luce) viene a formare un prodotto che indurendosi ricostruisce l’unghia.

Al di là della scelta del prodotto (c’è chi preferisce l’acrilico e chi il gel) l’unghiaper poter essere ricostruita deve essere comunque preparata. Soprattutto se si usa l’acrilico, l’unghia deve essere limata in una maniera particolare su tutta la superficie, poi va trattata con un prodotto deidratante che evita che l’umidità faccia sollevare il prodotto della ricostruzione e che si creino infezioni. Successivamente sull’unghia va steso il primer, un prodotto chimico che è come una specie di biadesivo che fa in modo che l’unghia sia pronta a ricevere il prodotto per la ricostruzione sciogliendo eventuali tracce oleose rimaste sull’unghia.

Successivamente si passa alle procedure per stendere il prodotto della ricostruzione dell’unghia, procedure che sono un po’ diverse se si tratta di acrilico o di gel.

Che cos’è la ricostruzione unghie

Per ricostruzione delle unghie si intende una particolare procedura che serve a ricoprire oppure ad allungare le unghie per mezzo di un materiale (acrilico o gel) che con una particolare azione chimica crea uno strato solido sull’unghia.

È possibile sia applicare il prodotto direttamente sull’unghia naturale, sia su una specie di unghia posticcia che va poi rifinita e decorata come se fosse un’unghia naturale. L’unghia posticcia può essere un tip di materiale plastico, oppure un particolare tipo di cartina o di struttura in seta, la scelta dipende dal risultato che si vuole ottenere e dallo stato dell’unghia naturale.
Se l’unghia naturale è sana, robusta e di sufficiente lunghezza la ricostruzione dell’unghia si fa senza usare materiali posticci. Se invece l’unghia naturale è molto rovinata oppure troppo corta (per esempio nel caso di persone che si mangiano le unghie) bisogna usare un supporto che faccia praticamente da ponte.

La ricostruzione unghie si può fare sia con l’acrilico sia con il gel, si veda la sezione gel ricostruzione unghie, sono due tecniche diverse perché usano un diverso tipo di prodotto che richiede anche una procedura particolare.
La ricostruzione unghie con l’acrilico è più lunga e laboriosa e va eseguita con grande precisione e professionalità poiché il materiale chimico usato è abbastanza aggressivo. Il gel per la ricostruzione unghie è ultimamente preferito da molti perché è un materiale meno aggressivo, più facile da applicare e con risultati comunque molto naturali. Per una ricostruzione unghie con un effetto bello, duraturo e privo di conseguenze per la salute delle unghie bisogna affidarsi a personale esperto e professionale.
I prodotti per la ricostruzione delle unghie sono composti da monomeri e polimeri che per mezzo di una reazione chimica suscitata da luce o calore generano questo tipo di prodotto che serve a rivestire l’unghia.

La storia della ricostruzione unghie

Come tante altre pratiche di cura del corpo, anche la decorazione delle unghie ha origini molto antiche. Colorare o disegnare le unghie poteva avere molti significati e fin dall’antichità si faceva con pigmenti naturali, per esempio in India le unghie si coloravano con l’henné.
Con l’evolversi della tecnologia si sono naturalmente affinate le tecniche e i materiali utilizzati e quindi già ai primi del novecento esistevano artifizi per colorare e irrobustire le unghie, sia per mezzo di smalti, sia per mezzo di unghie finte.

Negli Stati Uniti nel corso del Novecento si è sviluppato un vero e proprio culto delle unghie, venivano portate in forme e lunghezze diverse, decorate nei modi più fantasiosi e proprio perché l’esigenza di unghie molto lunghe era molto diffusa, si è fatto sempre più spesso uso di unghie finte.
A Parigi invece la moda imponeva un tipo di manicure più raffinata e naturale che è stata poi esportata negli Stati Uniti da Jeff Pink con il nome di effetto french o french manicure, moda che dilagò soprattutto grazie alle attrici di Hollywood.

Contemporaneamente però iniziò a farsi strada la tecnica della ricostruzione delle unghie, per mezzo di resine acriliche particolari ottenute da monomeri e polimeri che venivano a creare uno strato robusto sull’unghia. Con la tecnica della ricostruzione delle unghie si scoprì che si potevano ottenere unghie che, volendo, mantenevano l’aspetto naturale ma potevano permettere una maggiore lunghezza e resistenza.

In seguito la tecnica dell’acrilico per la ricostruzione delle unghie (piuttosto complessa e difficile e a base di prodotti chimici aggressivi) è stata affiancata da nuovi tipi di gel più facili da applicare e di composizione meno aggressiva. Entrambe le tecniche possono essere applicate sia sull’unghia naturale, sia su un’unghia posticcia (tip, cartina o altro).
Attualmente sono sempre più diffusi i nail bars o saloni per la ricostruzione delle unghie dove si effettuano le decorazioni più fantasiose e disparate.