Acne e brufoli: cure e rimedi

L’ acne oltre ad essere un inestetismo della pelle è una vera e propria patologia che colpisce l’apparato sebaceo-follicolare.Questa dermatosi tipica dell’età puberale alterna periodi di attenuazione del fenomeno ad altri di peggioramento e talvolta può protrarsi oltre i vent’anni per poi , nella maggior parte dei casi , scomparire definitivamente con il raggiungimento dell’equilibrio endocrino.
I brufoli sono piccoli ascessi sottocutanei di colore rosso opaco e di consistenza dura, che si vengono a formare alla base del follicolo pelifero. Normalmente il brufolo termina la sua “vita” nel giro di pochi giorni, con la produzione di pus per poi seccarsi e scomparire.

Tipi di acne

Acne volgare: i comedoni ( punti neri) sono accompagnati da brufoli e cisti. Le lesioni si concentrano soprattutto su viso, tronco e arti superiori. Colpisce prevalentemente adolescenti e giovani adulti, ma in un 10-20% dei casi la sofferenza può proseguire.

Acne rosacea: le pustole interessano soprattutto l’area centrale del viso e sono accompagnate dal dilatamento dei capillari (couperose) e dall’ingrossamento delle ghiandole sebacee. Colpisce soprattutto gli adulti oltre i trent’anni.

Follicolite da batteri gram-negativi : si presenta con una prevalenza di punti neri , ma le pustole ( brufoli) si concentrano attorno al naso. Di solito compare in chi ha appena terminato una terapia antibiotica.

Pseudofollicolite : Infiammazione dei bulbi piliferi si manifesta con pustole alla base del pelo, tipicamente nei maschi, dopo la rasatura.

Dermatite periorale: disturbo localizzato attorno alla bocca e spesso associato all’ utilizzo di dentifrici al fluoro o ad altri farmaci. Colpisce soprattutto le giovani donne e si presenta sotto forma di pustole.

Acne conglobata: le cisti si localizzano soprattutto sul tronco e arrivano a contenere anche due/tre neri. Compare nell’adolescenza e può mantenersi in età adulta.

Acne venenata : si presenta anche in quelle aree che normalmente vengono risparmiate dall’acne, ma che sono venute a contatto con possibili sostanze tossiche (oli, cosmetici, idrocarburi).

Eruzione da farmaci : si manifesta come reazione all’ uso di farmaci non tollerati e si distingue perché le pustole , che si presentano in tutto il corpo, hanno lo stesso stadio di sviluppo.

Le cause dell’acne

Le cause dell’acne sono varie , oltre a quelle di natura “chimica” , reazioni del derma a prodotti chimici , farmaceutici o cosmetici non tollerati , vi è quella più comune , derivante da fattori ereditari, endocrini e metabolico-digestivi . Il fattore principale sembra essere lo squilibrio ormonale, infatti è nell’ età puberale dove l’adolescente non ha ancora un perfetto equilibrio ormonale che più frequentemente appare l’acne.

Nelle pustole acneiche si è riscontrata la presenza dello stafilococco anaerobico Propionibacterium acnis che si moltiplica trasformando i trigliceridi del sebo in acidi grassi liberi e glicerolo. Gli acidi grassi così prodotti provocano la reazione immunitaria dei globuli bianchi che, circondando le pareti del comedone e ne provocano la distruzione portando alla formazione della pustola e del foruncolo.

I rimedi dell’acne

A tavola ….

Nessun cibo puo’ causare l’ acne , nemmeno il cioccolato.E’ però buona regola moderare fritti, dolci e insaccati , evitare aumenti di peso che possono favorire squilibri ormonali rischiosi per la pelle ed assumere cibi ricchi di sostanze in grado di prevenire le reazioni di tipo infiammatorio, come la vitamina C, il selenio, lo zinco e il manganese.Tutta la frutta e la verdura cruda fanno bene , in particolare sono molto ricchi di sostanze benefiche i cetrioli, le carote, il crescione, e l’uva.

Pulizia del viso ….

La pulizia della pelle è fondamentale e deve essere un gesto quotidiano perché per avere risultati efficaci è necessaria costanza.Assolutamente da evitare sono i prodotti aggressivi, alcolici o che alterano il ph naturale della pelle. Non bisogna esagerare con scrub o esfolianti perché la pulizia drastica è dannosa: toglie tutto il sebo, stimolando così le ghiandole a produrne in quantità maggiore. Lo stesso vale per le lampade Uva e per il sole preso in modo eccessivo .

Cure ….

La terapia dell’acne non deve limitarsi ad una cura esterna ma esige un trattamento generale ed interno che solo il dermatologo può dare. A livello cosmetico è importante curare la detersione con un prodotto specifico per pelli impure in modo da detergere i pori della pelle in profondità. Il detergente prescelto deve contenere sostanze idratanti e lenitive in modo che la pulizia risulti efficace ma delicata sulla cute poiché la maggior parte dei trattamenti antiacne risultano spesso irritanti per la pelle tendendo a seccarla e a renderla ipersensibile. E’ controindicato l’uso di saponi a reazione alcalina mentre è opportuna l’acidificazione della cute attraverso l’utilizzo di un detergente a pH acido che limiti la secrezione sebacea creando un ambiente sfavorevole allo sviluppo della flora batterica. In presenza di acne è poi sconsigliato l’uso di latte detergente essendo preferibile l’impiego di lozioni struccanti delicate e non grasse. Al trattamento detergente è utile l’associazione di un esfoliante con azione astringente sui pori.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *